L’Egitto: esportazioni agroalimentari in rapido aumento

Il Paese nordafricano aumenta anche le importazioni di grano dalla Russia

Nel 2023 le esportazioni dell’industria alimentare dell’Egitto sono cresciute del 14% rispetto ai risultati registrati l’anno precedente. Complessivamente l’anno scorso l’export agroalimentare egiziano ha totalizzato i 5,1 miliardi di dollari, ovvero 600 milioni in più rispetto all’anno precedente (4,5 miliardi).

Come ha scritto in un comunicato stampa il Consiglio egiziano per l’esportazione dei prodotti alimentari (Food Export Council, FEC), il 54% dell’export dell’industria alimentare egiziana per un totale di 2,75 miliardi di dollari, è stato destinato ai Paesi arabi. Per quanto riguarda la geografia dell-export nel 2023 il Sudan è stato il maggiore Paese-importatore di prodotti dell’industria alimentare egiziana, con un valore di 470 milioni di dollari, seguito dall’Arabia Saudita (400 milioni) e dalla Libia con 268 milioni di dollari.

Al secondo posto come maggiore importatore collettivo l’anno scorso si è trovata l’Unione europea, che nel 2023 ha importato generi alimentari egiziani per 884 milioni di dollari. Per il 2024 il FEC prevede che le esportazioni di generi alimentari dell’Egitto siano destinate a raggiungere quota 5,6 miliardi di dollari.

Inoltre l’Egitto sta aumentando di anno in anno le importazioni di grano dalla Russia. Secondo una dichiarazione del Governo egiziano “nel 2023 l’Egitto ha importato dalla Russia 7,5 milioni di tonnellate di grano, con un incremento del 39% rispetto all’anno precedente, quando le importazioni avevano totalizzato 5,4 milioni di tonnellate di grano russo”. In parte l’impennata delle importazioni è diventata possibile grazie a un calo di circa il 27% del prezzo del grano russo, che è sceso da 360 dollari (2022) per una tonnellata a soli 260 dollari a tonnellata nel 2023. L-anno scorso le importazioni totali di grano dall’Egitto sono state peri a 10,8 milioni di tonnellate, ovvero +12,5% rispetto ai 9,6 milioni di tonnellate importate dal Paese nel 2022.