Germania: in caduta libera gli utili di case automobilistiche e le entrate fiscali

Gli utili dell’industria dell’auto tedesca scendono del 20 per cento

Christian Lindner

Desta sempre più preoccupazione la situazione economica della Germania, che cerca di mettere la sua industria vacillante sui “binari militari” a scapito dei settori reali più importanti, dall’auto all’energia. Secondo i resoconti finanziari, analizzati dal quotidiano tedesco “Handelsblatt” la trojka dei giganti dell’industria automobilistica tedesca, BMW, Volkswagen e Mercedes-Benz, “hanno registrato in totale un calo degli utili del 20% nei primi tre mesi del 2024, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno”.

“La stagnazione economica in Germania – ha scritto il quotidiano economico, finanziario e politico tedesco – nonché la crescita minima in Europa si riflettono nei bilanci delle maggiori società tedesche quotate in borsa”. L’industria dell’auto, per molto tempo considerata come il “settore tradizionalmente più forte della Germania”, ha contribuito a questo calo vertiginoso con il 4%, mentre l’’utile netto totale delle tre case automobilistiche è sceso nei primi tre mesi dell’anno di 2,5 miliardi di euro, attestandosi a quota 9,2 miliardi di euro.

Doccia fredda anche dal ministro delle Finanze tedesco, Christian Lindner, che ha presentato giovedì 16 maggio le ultime previsioni riguardo al gettito fiscale-2024. Secondo le stime degli esperti, nei prossimi cinque anni i Governi di tutti i livelli, dai locali e quello federale riceveranno 80,7 miliardi di euro in meno di quanto previsto nella stima precedente, pubblicato a ottobre del 2023, per un totale di 995,2 miliardi di euro. Solo per il Governo federale della Germania le perdite ammonteranno a 41,6 miliardi di euro.