Korcok-Pellegrini al ballottaggio per le presidenziali in Slovacchia

Zuzana Caputova

Contrariamente alle previsioni, sostenute dai numerosi sondaggi d’opinione, che davano in lieve vantaggio l’attuale presidente del Parlamento slovacco, Peter Pellegrini, il primo turno delle elezioni presidenziali in Slovacchia ha invece premiato, Ivan Korcok, 59 anni, che sostenuto dall’opposizione, ha ottenuto il 42,51% dei voti favorevoli.

Il suo sfidante, Pellegrini, è riuscito a raccogliere il 37,02% dei voti a proprio favore. Pellegrini, 48 anni già primo ministro della Slovacchia, è leader del partito Voce-Socialdemocrazia (HLAS), che fa parte della dominante compagine filo-russa, guidata dal primo ministro, Robert Fico, contrario all’invio delle nuove armi europee all’Ucraina. Korcok, ex ministro degli Esteri nel periodo 2020-22 è invece allineato sulle posizioni occidentali e filo ucraine, così come la presidente uscente Zuzana Caputova, che ha scelto di non candidarsi per un secondo mandato.

Al centro dei dibattiti preelettorali in Slovacchia, Paese-membro a pieno titolo della NATO e dell’Unione europea, si è trovato il conflitto armato tra la Russia e l’Ucraina. Il premier slovacco, Robert Fico, ha criticato aspramente le politiche comunitarie pro-Ucraina e ha bloccato gli aiuti militari e finanziari di Bratislava al regime di Kiev.

I due principali candidati alla successione della presidente uscente Caputova si affronteranno dunque al ballottaggio il prossimo 6 aprile.