Lituania, Nauseda ha vinto il ballottaggio con un’ampia maggioranza

Gitanas Nauseda, presidente uscente della Lituania, ha vinto il ballottaggio delle elezioni presidenziali, le ottave da quando il Paese è indipendente.

Il piccolo Paese baltico, (2,8 milioni di abitanti) ha scelto di rieleggere l’ex banchiere con circa tra quarti delle preferenze (con il 90& dei seggi scrutinati).

“I lituani mi ha affidato un grande mandato di fiducia e sono ben consapevole che dovrò far tesoro di questo credito di fiducia”, sono le prime dichiarazioni di Vilnius Nauseda. “Ora che ho maturato cinque anni di esperienza, penso che sicuramente sarò in grado di utilizzare correttamente questo gioiello, innanzitutto per raggiungere gli obiettivi di benessere per tutti i residenti in Lituania”.

La sfidante, Ingrida Simonyte, primo ministro del Paese, ha riconosciuto la vittoria di Nauseda è si è congratulata con il “Presidente eletto della Lituania”. Va sottolineato che le posizioni dei due, europeiste e simili per quanto riguarda politica estera e difesa (entrambi promettono maggiori fondi), differivano in maniera spiccata soprattutto per quanto riguarda gli affari interni: Nauseda ha un’impostazione più conservatrice mentre Simonyte più liberal; uno dei temi di scontro è il riconoscimento delle coppie omosessuali, da sempre un cavallo di battaglia del candidato perdente.

In Lituania il presidente ha un ruolo definibile come “semi-esecutivo”: guida le forze armate, ha un ruolo centrale per quanto riguarda difesa e sicurezza nazionale e la rappresentanza nella UE e nella NATO: definisce queste politiche insieme al Governo, ha diritto di veto e voce in capitolo nella nomina di figure chiave come il procuratore capo, i giudici, il capo della banca centrale…