Nuove energie al centro del programma elettorale del Partito Laburista britannico

Labour Party: “Le elezioni del 4 luglio sono un'opportunità per risollevare la nostra economia dopo 14 anni di declino conservatore”

Rachel Reeves

Il Partito Laburista ha promesso di creare oltre 650.000 posti di lavoro nuovi, grazie a un investimento pari a 7,3 miliardi di sterline (8,6 miliardi di euro) nelle nuove energie e nell’economia sostenibile. Come ha dichiarato ai giornalisti Rachel Reeves, Cancelliere ombra dello Scacchiere, “il piano di crescita del Labour vuole rendere il Regno Unito più prospero, con buoni posti di lavoro che pagano un salario dignitoso in tutto il Paese”. Il Cancelliere ombra dello Scacchiere (Shadow Chancellor of the Exchequer) nel sistema parlamentare britannico è il membro del Gabinetto ombra del Regno Unito che esamina l’attività del ministro delle Finanze (Cancelliere dello Scacchiere). Il Cancelliere ombra non ha alcun ruolo costituzionale.

In vista delle elezioni generali del 4 luglio il Partito Laburista ha pubblicato il suo manifesto elettorale mettendo al centro del programma lo sviluppo delle fonti di energia “green”. Il leader del Labour, Keir Starmer, ha promesso di “fare della Gran Bretagna una superpotenza dell’energia pulita”.

Il manifesto ha presentato “cinque missioni fondamentali” che promettono una crescita economica accelerata, la transizione verso l’energia pulita, la riduzione della criminalità, la riforma dell’istruzione pubblica e quella del Servizio sanitario nazionale (NHS).

“La transizione verso l’energia pulita rappresenta un’enorme opportunità per accelerare le crescita, per porre fine alla crisi del tenore di vita e per rendere la Gran Bretagna nuovamente indipendente dal punto di vista energetico. Ecco perché l’energia pulita entro il 2030 sarà la seconda principale missione del Labour”, si legge nel manifesto.

“Il prossimo Governo laburista lavorerà a stretto contatto con il settore privato per portare gli investimenti nei cuori industriali del Regno Unito”, ha detto infine Reeves, secondo cui “le elezioni del 4 luglio sono un’opportunità per realizzare questo piano e per risollevare la nostra economia dopo 14 anni di declino conservatore”.