Rapporto SIPRI: è molto preoccupante l’aumento degli arsenali nucleari

Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg: “L'alleanza è in trattative per schierare più armi atomiche”

Il mondo ha preso una strada molto pericolosa, che minaccia la Terza guerra globale e lo sterminio dell’umanità. Secondo l’ultimo rapporto dell’Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma (Stockholm International Peace Research Institute, SIPRI) in un solo anno il numero di testate nucleari, schierate su missili o aerei, è aumentato del 60 per cento.

Secondo le valutazioni  del SIPRI “a gennaio del 2024 si contavano nel mondo 12.121 testate atomiche, di cui 9.585 si trovavano in stato di massima allerta, mentre 3.904 di queste sono state schierate su missili o aerei: un aumento del 60% rispetto alle stime del gennaio dell’anno precedente”. Circa 2.100 testate schierate negli Stati Uniti e in Russia erano in massima allerta sui missili balistici, ma si ritiene che anche la Cina abbia messo per la prima volta in allerta alcune di esse.

Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, in un’intervista al quotidiano britannico Telegraph ha annunciato che l’Alleanza nordatlantica “è in trattative per schierare più armi nucleari”. Secondo Stoltenberg c’erano già state alcune importanti consultazioni tra i Paesi-membri della NATO sul ritiro dei missili dai depositi e sulla loro messa in stand-by. “Non entrerò nei dettagli operativi su quante testate nucleari dovrebbero essere operative e quali essere immagazzinate, ma dobbiamo consultarci su questi temi: questo è esattamente ciò che stiamo facendo”, ha dichiarato Stoltenberg al quotidiano britannico.